1

Seguimi su ....

FacebookTwitterLinkedIn

Destinazione UNISS – Un biglietto per il futuro. Salone dello studente

PDFStampaE-mail

Notizie - Archivio
Scritto da Administrator | 01 Aprile 2014

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Destinazione UNISS – Un biglietto per il futuro. Salone dello studente


Sassari, Piandanna, 25 marzo 2014

Ringrazio le autorità  presenti a questa XI edizione della Manifestazione dell’Orientamento, le colleghe e i colleghi che si uniscono al mio saluto: la Prorettore delegata alla didattica Laura Manca, il Garante degli studenti Paolo Fois, il delegato all’organizzazione e programmazione dei servizi agli studenti Giovanni Micera,  la responsabile/referente dell’esperienza che stiamo vivendo, Patrizia Patrizi, delegata all’orientamento. Il direttore generale Guido Croci, il presidente del Consiglio degli studenti Gabriele Casu. Un caloroso benvenuto a tutti: studenti e docenti della scuola e dell’università presenti in queste giornate.

Anche quest'anno registriamo una elevata adesione: circa 5000 studenti prenotati, provenienti dalle scuole secondarie di tutta la Regione, accompagnati dai loro docenti. In queste giornate si potranno visitare 36 stand per conoscere l'offerta formativa e i Servizi del nostro Ateneo e di altri Enti e Istituzioni del territorio come gli stand dell'Università di Cagliari, degli Istituti di Alta Formazione artistica, dell'ERSU, del Comune e delle Forze dell'Ordine.

Sono state predisposte varie iniziative tra visite guidate, lavori di gruppo e attività laboratoriali organizzate dai nostri 13 Dipartimenti e finalizzate all’orientamento formativo-professionale, augurandoci che gli studenti in visita in queste giornate vogliano entrare a far parte della nostra comunità. Saremo lieti di accoglierli tra le nostre matricole il prossimo anno accademico.

In questo percorso ci saranno “buone” guide: il personale docente e amministrativo del nostro Ateneo, i tutores e i rappresentanti delle associazioni studentesche.

La manifestazione, all’insegna dell’innovazione e della sperimentazione, quest’anno si caratterizzata per l’introduzione di due nuove importanti iniziative. Innanzitutto, l’apertura agli e alle studenti delle classi quarte affinché  venga  offerto un percorso di riflessione che porti a una costruzione consapevole del proprio progetto di vita.  Un  progetto che non può prescindere dal coinvolgimento  delle famiglie che saranno protagoniste degli incontri pomeridiani dal titolo “Quale futuro per le nostre figlie e i nostri figli: parliamo insieme”, nella Sala Milella nell’Ateneo. Sono il risultato di un lavoro condotto con cura in questi ultimi anni dal nostro Servizio di counseling psicologico e di coaching OrientAzione.

Altro aspetto innovativo è rappresentato dall’utilizzo dei social media per la divulgazione degli eventi legati alla manifestazione. Dopo questi ultimi anni di sperimentazione in tal senso promossi dal Centro orientamento, il “Gruppo Comunicazione d’Ateneo”, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze politiche, Scienze della comunicazione e Ingegneria dell’informazione, animerà il “Laboratorio di Comunicazione e e-learning”: un gruppo di studenti si occuperà di gestire la comunicazione delle giornate attraverso la condivisione delle notizie nei social network. Ogni giorno, il primo messaggio sarà inviato dagli account Facebook e Twitter ufficiali del Centro orientamento; seguiranno i post del “social media team” che documenterà gli eventi della manifestazione anche attraverso Instagram.

La diretta Twitter sarà visibile sul sito internet della Nuova Sardegna all'indirizzo www.lanuovasardegna.it. Chiunque potrà partecipare all’inserimento di foto, notizie e commenti utilizzando gli hashtag ufficiali della manifestazione: #destinazioneuniss; #orientauniss; #studiareasassari.

Dal 2010 la Manifestazione ha assunto il titolo “Le giornate dell’Orientamento. Studiare a Sassari e in Europa”, per evidenziare il senso del movimento, della  volontà e della possibilità (che grazie all’impegno di Piero Sanna, di Quirico Migheli e di tutta l’area Erasmus   è stata fortemente incrementata in questi anni) di confrontarsi con altre realtà geografiche e culturali non solo europee. Dallo scorso anno abbiamo voluto veicolare l’idea di percorso e di viaggio e così è stato pensato e mantenuto per quest'anno Destinazione UNISS – Un biglietto per il futuro. Un titolo che pone l’accento sulla meta, sul luogo di arrivo dei protagonisti, Voi studenti per l’appunto, al termine di un viaggio.  In realtà così non è, l’Università rappresenta una tappa nelle vostre vite a conclusione di un percorso nella scuola secondaria di secondo grado e l’inizio di un nuovo percorso orientato allo studio e alla professione che sceglierete di intraprendere. Dubbi e incertezze spesso vi accompagnano durante gli ultimi anni della scuola e anche dopo l’esame di Stato. Partendo da qui, da queste criticità, in questi cinque anni del mio mandato, che si avvia alla conclusione, abbiamo ripensato l’idea dell’orientamento promossa dalla nostra Università, un’idea aperta al dialogo, all’innovazione, alla co-costruzione e all’internazionalizzazione dei percorsi; un’idea di orientamento come insieme di strumenti e strategie volte a favorire condizioni di ben-essere!

La prospettiva che abbiamo assunto è quella di un sistema universitario orientante in grado di facilitare l’accesso alla conoscenza e l’avvicinamento al mondo del lavoro e di favorire processi di autodeterminazione nelle scelte che consentano di raggiungere il benessere personale, universitario e professionale.

Tutto questo è stato ed è possibile attraverso tre direttrici di azioni: l’innovazione del sistema di servizi dell’orientamento dell’Ateneo, un lavoro continuo di ascolto e di raccordo con il territorio, la sperimentazione e la ricerca scientifica, nella prospettiva di una comunità orientante capace di attrarre competenze professionali e sinergie istituzionali per il raggiungimento di finalità comuni.

L'esperienza maturata in questi ultimi cinque anni, attraverso i nostri servizi di orientamento e la rideterminazione degli stessi, ha permesso di agire su tre segmenti:

  1. 1. raccordo tra la scuola e l’università attraverso il riallineamento delle competenze tra i due livelli formativi;
  2. 2. sostegno dei processi di scelta e dei percorsi di carriera in ingresso, in itinere e in uscita;
  3. 3. accompagnamento delle persone laureate presso il nostro Ateneo per la promozione dell’occupabilità.

  1. Il raccordo scuola – università è stato possibile attraverso il Progetto STUD.I.O. (Studenti In Orientamento), finanziato dal P.O.R. FSE 2007-2013 dalla Regione Sardegna e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, destinato a studenti frequentanti l’ultimo anno delle scuole superiori e a quelli iscritti al primo anno d’università, ai quali sono stati offerti una serie di attività d’orientamento allo studio e di riallineamento delle competenze, finalizzate al miglioramento della loro preparazione per l’ingresso all’università. Per la settimana prossima è previsto un convegno di restituzione sul progetto appena concluso.
  2. Il sostegno dei processi di scelta e dei percorsi di carriera in ingresso, in itinere e in uscita si realizza attraverso il Servizio OrientAzione. Nato nel luglio 2010, il Servizio si è immediatamente proposto per la sua forte innovazione e identità: non solo consulenze individuali, ma progettualità con le scuole, con i dipartimenti, con gli enti territoriali, nello spirito (che lo rende una delle sperimentazioni più avanzate in Italia) di realizzare sinergie per una comunità orientante. OrientAzione sviluppa azioni di supporto e consulenza per studenti con l’obiettivo di valorizzare le risorse personali; sostenere le life skills e, in particolare, l’autoefficacia e il benessere; orientare le scelte attraverso un adeguato utilizzo di competenze/risorse personali e di contesto. Il Servizio realizza azioni di orientamento in ingresso, in itinere e in uscita. In questi anni abbiamo realizzato diverse progettualità iniziando con la stabilizzazione del supporto di counseling psicologico e di coaching individuale e di gruppo in presenza e a distanza (mediante skype), la realizzazione di gruppi esperienziali, con studenti universitari e insegnanti delle scuole superiori, manager e life coaching per imprese e istituzioni.  Il Servizio si è attivato sul territorio “uscendo” letteralmente dalla sua sede attraverso le due linee progettuali OrientAzione va a scuola, per il sostegno alla scelta del corso di studi universitari degli studenti delle scuole secondarie, e OrientAzione va in Dipartimento, per il contrasto del fenomeno del “fuori corso”. Nella medesima direzione va il progetto d’Ateneo di ricerca-intervento sulla dispersione universitaria teso a rilevare i profili degli studenti fuori corso e a comparare le carriere di studenti che hanno o non hanno fruito del servizio di consulenza. I risultati delle azioni, tutte monitorate con il rigore di strumenti scientifici, sono disponibili online nella sezione “Cose che parlano di noi” all’interno del portale studenti Youniss.

(http://www.uniss.it/php/proiettoreTesti.php?cat=1326&xml=/xml/testi/testi45294.xml&item=2)

  1. Per quanto riguarda la promozione dell’occupabilità, il Servizio Job Placement, che opera all’interno del Centro Orientamento, ha attivato un numero sempre crescente di stage e tirocini operando puntualmente un matching tra la domanda e l’offerta del lavoro, sia nel settore privato che nel pubblico, anche attraverso colloqui per l’orientamento dei laureati, finalizzato alla ricerca attiva del lavoro.

Dallo scorso anno la nostra Università partecipa alla nuova edizione del programma “Formazione e Innovazione per l’Occupazione Scuola e Università - FIxO S&U” promosso e sostenuto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in collaborazione con Italia Lavoro. Stiamo concludendo la prima fase del programma che prevede l’attuazione di una “procedura di standardizzazione partecipata della qualità” per favorire la qualificazione dei servizi di placement nonché per facilitare l’attivazione di tirocini e apprendistati e lo sviluppo di reti con altri attori del mercato del lavoro con l’intento di ridurre i tempi di ingresso nel mercato del lavoro e di aumentare le possibilità di trovare un’occupazione in linea con gli studi effettuati. Nell’ambito del programma è stato recentemente inaugurato un servizio automatizzato di prenotazione ai colloqui di orientamento tramite form online, già fruito da numerosi utenti (http://www.uniss.it/php/proiettoreTesti.php?cat=931&xml=/xml/testi/testi27669.xml).

Inoltre, la costante collaborazione con il Consorzio AlmaLaurea, permette di monitorare il numero dei laureati con le relative competenze e la pubblicazione del loro curriculum vitae nella banca dati offrendo opportunità di lavoro nel contesto nazionale e favorendo la capacità d’impresa.

Per quanto riguarda il raccordo con il territorio l’individuazione di una nuova sede del Centro Orientamento e del Servizio OrientAzione ne ha permesso una visibilità maggiore e una più facile raggiungibilità anche da parte di studenti pendolari e di persone con disabilità. La sede, ubicata in Via Arborea n. 40 nei pressi della Piazza Università, è stata inaugurata il 20 giugno 2012. Per questa occasione è stato organizzato un convegno nel quale è stato presentato il primo Report dal titolo “L’idea di orientamento dell’Università di Sassari. L’esperienza del Centro Orientamento Studenti e del Servizio OrientAzione", pubblicato anche sul nostro sito (www.uniss.it/orientamento).

In linea con la finalità dell’art. 9 del nostro Statuto dell’Autonomia, riguardante l’orientamento e introdotto e formalizzato per la prima volta nel dicembre 2011, abbiamo lavorato per creare reti con le principali istituzioni:

  • dall’anno accademico 2010/2011 al 2012/13 la realizzazione a Sassari, e per la prima volta in Sardegna, del progetto nazionale “AlmaDiploma-AlmaOrièntati”, nato dal raccordo interistituzionale formalizzato con Protocollo d’intesa, tra diversi soggetti quali il Consorzio interuniversitario AlmaLaurea, ideatore dello stesso, la Provincia in qualità di ente finanziatore, l’Ufficio Scolastico Provinciale di Sassari con compiti di sensibilizzazione, coordinamento e supporto, i servizi specialistici del nostro Ateneo per le azioni, gratuite, di counseling di supporto e di restituzione. Per il 2014/15 stiamo lavorando per l’attivazione della nuova annualità all’interno dell’accordo di cooperazione “Fabrica Europa” che coinvolge, oltre al nostro Ateneo, anche la Provincia e la Camera di Commercio del Nord Sardegna;
  • nel 2012 il Protocollo d’intesa, di durata biennale, finalizzato al contrasto del fenomeno della dispersione scolastica, siglato con il Comune di Sassari. Il Protocollo, che vede coinvolta la Scuola di dottorato in “Scienze sociali indirizzo Scienze della governance e sistemi complessi”, ha previsto l’elaborazione di un report “Indagine quantitativa sulla dispersione nel Comune di Sassari” a cui seguirà una ricerca-azione nelle scuole del territorio;
  • domani sottoscriverò con il Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria della Sardegna, il dr. Gianfranco De Gesu, un importante protocollo d’intesa in materia di attività didattiche, di orientamento e di tutorato rivolte alle persone detenute degli istituti penitenziari di Sassari, Alghero, Tempio e Nuoro.

In tema di sperimentazione e di ricerca scientifica il nostro Ateneo è fondatore e componente attivo del Network universitario sul counseling (SIO – Società Italiana per l’Orientamento - e LaRIOS - Laboratorio di Ricerca e di Intervento per l’Orientamento alle Scelte). OrientAzione, per il tramite della delegata rettorale e dei collaboratori e collaboratrici del Sevizio, partecipa attivamente al dibattito scientifico nazionale e internazionale.

Il Servizio è presente nelle diverse sedi specialistiche, tra le quali i congressi della SIO, del LaRIOS, della fondazione CRUI, del Consorzio AlmaLaurea e l’Associazione AlmaDiploma. Inoltre, la nuova concezione di orientamento della nostra università è stata ed è oggetto di numerosi contributi scientifici presentati in convegni di rilievo nazionale e internazionale.

In tutte queste occasioni di confronto è stato presentato il modello di orientamento dell’Ateneo di Sassari apprezzato per la sua innovazione e complessità.

La ricerca continua, all’insegna della novità e della lettura attenta delle esigenze del territorio, ha permesso di sperimentare l’uso di strumenti per l’orientamento come il percorso “AlmaOrièntati”  fino a crearne dei nuovi come il gioco “Il lavoro del mio futuro” - Play Your Professional Future (PProF), brevettato dal Servizio stesso e al passo con l’evolversi della letteratura scientifica.

Infine, vorrei evidenziare il ruolo fondamentale che il nostro Ateneo, attraverso la delegata per l’Orientamento, la prof.ssa Patrizi, ha avuto nel gruppo di lavoro nominato dal MIUR per la rivisitazione delle “Linee guida nazionali per l’orientamento permanente”, pubblicate il 21 febbraio scorso.  Le Linee guida varate, tenendo conto degli accordi presi in seno alla Conferenza Unificata Stato-Regioni e del Piano di attuazione nazionale della “Garanzia per i Giovani” (finalizzato a garantire un’offerta formativa e professionale ai/alle giovani disoccupati/e),  confermano e avvalorano il nostro modello di comunità orientante; cito a questo proposito un passo significativo del documento:

L’orientamento, nel mondo della scuola e della formazione […]deve estendersi a una proiezione sociale e culturale, con riferimento alla comunità di appartenenza, all’identità sociale e professionale, alla memoria storica, ai valori condivisi e all’etica del lavoro (dal MIUR, “Linee guida nazionali per l’orientamento permanente”, p. 9).

Ringraziamenti finali

Vorrei chiudere questo mio intervento porgendo dei ringraziamenti speciali a tutti coloro che in questi cinque anni hanno permesso la realizzazione degli obiettivi che ci eravamo prefissati fin dall’inizio del mio mandato. Un grazie di cuore in particolare alla Prof.ssa Patrizia Patrizi, Delegata per l’Orientamento e Responsabile Scientifica del Servizio OrientAzione, che in questi anni ha promosso, supportata dal suo staff, un cambiamento significativo attraverso un modello di comunità orientante all’interno dell’Ateneo e nel territorio.

Ringrazio la Prorettore Vicaria e Delegata alla didattica la Prof.ssa Laura Manca e tutte le persone che, anche questo anno, hanno contribuito alla realizzazione della manifestazione e che quotidianamente svolgono attività e progettualità di orientamento nel nostro Ateneo.

Un ringraziamento molto sentito al Gruppo di Comunicazione d’Ateneo che ha curato l’immagine coordinata della manifestazione e la diffusione su tutti i canali di comunicazione.

Ringrazio i Vice-Delegati per le tre fasi dell’orientamento: in ingresso Prof. Pier Giorgio Spanu, responsabile scientifico del progetto STUD.I.O., in itinere e monitoraggio delle carriere Prof. Camillo Tidore, in uscita e servizio di Placement Prof. Marco Ruggieri.

Ringrazio tutto il personale amministrativo del Centro Orientamento Studenti, per tutti il Responsabile dell’Ufficio Dott. Gian Luigi Sechi, supporto fondamentale per il raggiungimento degli importanti risultati fino a ora ottenuti.

Insieme alla Delegata all'Orientamento sviluppano gli itinerari attraverso i quali si realizza la nostra concezione di orientamento. L’orientamento è un’importante funzione dell’Ateneo. Si compone di dimensioni trasversali, che richiedono un coordinamento centrale e di dimensioni specifiche di pertinenza delle diverse strutture didattiche. Autonomia e integrazione devono caratterizzare i due livelli e il dibattito condiviso è l’elemento chiave per un accordo istituzionale che sappia trasmettere sicurezze alle persone che si rivolgono a noi per la loro formazione. Il Comitato tecnico-scientifico dell’orientamento è la nostra principale garanzia che questa finalità possa essere raggiunta. Ringrazio le Direttrici e i Direttori di Dipartimento.

Ringrazio tutte le professioniste e i professionisti che lavorano al Centro Orientamento, nel Servizio OrientAzione nei diversi progetti, personale dipendente, consulenti a contratto, collaboratrici e collaboratori. È un gruppo sempre in movimento, attivo per il raggiungimento degli obiettivi. A tutti sono grato per gli obiettivi che abbiamo condiviso e i risultati che abbiamo raggiunto attraverso il grande e professionale impegno profuso.

L’ultimo Report, pubblicato e diffuso per l’inaugurazione dell’a.a. 2013-2014, racconta nei dettagli la storia di questa nostra comunità orientante.

https://drive.google.com/file/d/0BzoNhscmn3XkUlZXcHhMUjVhZ2M/edit?usp=sharing

Destinazione UNISS – Un biglietto per il futuro. Salone dello studente

Sassari, Piandanna, 25 marzo 2014

Ringrazio le autorità  presenti a questa XI edizione della Manifestazione dell’Orientamento, le colleghe e i colleghi che si uniscono al mio saluto: la Prorettore delegata alla didattica Laura Manca, il Garante degli studenti Paolo Fois, il delegato all’organizzazione e programmazione dei servizi agli studenti Giovanni Micera,  la responsabile/referente dell’esperienza che stiamo vivendo, Patrizia Patrizi, delegata all’orientamento. Il direttore generale Guido Croci, il presidente del Consiglio degli studenti Gabriele Casu. Un caloroso benvenuto a tutti: studenti e docenti della scuola e dell’università presenti in queste giornate.

 

Anche quest'anno registriamo una elevata adesione: circa 5000 studenti prenotati, provenienti dalle scuole secondarie di tutta la Regione, accompagnati dai loro docenti. In queste giornate si potranno visitare 36 stand per conoscere l'offerta formativa e i Servizi del nostro Ateneo e di altri Enti e Istituzioni del territorio come gli stand dell'Università di Cagliari, degli Istituti di Alta Formazione artistica, dell'ERSU, del Comune e delle Forze dell'Ordine.

Sono state predisposte varie iniziative tra visite guidate, lavori di gruppo e attività laboratoriali organizzate dai nostri 13 Dipartimenti e finalizzate all’orientamento formativo-professionale, augurandoci che gli studenti in visita in queste giornate vogliano entrare a far parte della nostra comunità. Saremo lieti di accoglierli tra le nostre matricole il prossimo anno accademico.

In questo percorso ci saranno “buone” guide: il personale docente e amministrativo del nostro Ateneo, i tutores e i rappresentanti delle associazioni studentesche. 

La manifestazione, all’insegna dell’innovazione e della sperimentazione, quest’anno si caratterizzata per l’introduzione di due nuove importanti iniziative. Innanzitutto, l’apertura agli e alle studenti delle classi quarte affinché  venga  offerto un percorso di riflessione che porti a una costruzione consapevole del proprio progetto di vita.  Un  progetto che non può prescindere dal coinvolgimento  delle famiglie che saranno protagoniste degli incontri pomeridiani dal titolo “Quale futuro per le nostre figlie e i nostri figli: parliamo insieme”, nella Sala Milella nell’Ateneo. Sono il risultato di un lavoro condotto con cura in questi ultimi anni dal nostro Servizio di counseling psicologico e di coaching OrientAzione.

Altro aspetto innovativo è rappresentato dall’utilizzo dei social media per la divulgazione degli eventi legati alla manifestazione. Dopo questi ultimi anni di sperimentazione in tal senso promossi dal Centro orientamento, il “Gruppo Comunicazione d’Ateneo”, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze politiche, Scienze della comunicazione e Ingegneria dell’informazione, animerà il “Laboratorio di Comunicazione e e-learning”: un gruppo di studenti si occuperà di gestire la comunicazione delle giornate attraverso la condivisione delle notizie nei social network. Ogni giorno, il primo messaggio sarà inviato dagli account Facebook e Twitter ufficiali del Centro orientamento; seguiranno i post del “social media team” che documenterà gli eventi della manifestazione anche attraverso Instagram.

La diretta Twitter sarà visibile sul sito internet della Nuova Sardegna all'indirizzo www.lanuovasardegna.it. Chiunque potrà partecipare all’inserimento di foto, notizie e commenti utilizzando gli hashtag ufficiali della manifestazione: #destinazioneuniss; #orientauniss; #studiareasassari.

Dal 2010 la Manifestazione ha assunto il titolo “Le giornate dell’Orientamento. Studiare a Sassari e in Europa”, per evidenziare il senso del movimento, della  volontà e della possibilità (che grazie all’impegno di Piero Sanna, di Quirico Migheli e di tutta l’area Erasmus   è stata fortemente incrementata in questi anni) di confrontarsi con altre realtà geografiche e culturali non solo europee. Dallo scorso anno abbiamo voluto veicolare l’idea di percorso e di viaggio e così è stato pensato e mantenuto per quest'anno Destinazione UNISS – Un biglietto per il futuro. Un titolo che pone l’accento sulla meta, sul luogo di arrivo dei protagonisti, Voi studenti per l’appunto, al termine di un viaggio.  In realtà così non è, l’Università rappresenta una tappa nelle vostre vite a conclusione di un percorso nella scuola secondaria di secondo grado e l’inizio di un nuovo percorso orientato allo studio e alla professione che sceglierete di intraprendere. Dubbi e incertezze spesso vi accompagnano durante gli ultimi anni della scuola e anche dopo l’esame di Stato. Partendo da qui, da queste criticità, in questi cinque anni del mio mandato, che si avvia alla conclusione, abbiamo ripensato l’idea dell’orientamento promossa dalla nostra Università, un’idea aperta al dialogo, all’innovazione, alla co-costruzione e all’internazionalizzazione dei percorsi; un’idea di orientamento come insieme di strumenti e strategie volte a favorire condizioni di ben-essere!

La prospettiva che abbiamo assunto è quella di un sistema universitario orientante in grado di facilitare l’accesso alla conoscenza e l’avvicinamento al mondo del lavoro e di favorire processi di autodeterminazione nelle scelte che consentano di raggiungere il benessere personale, universitario e professionale.

Tutto questo è stato ed è possibile attraverso tre direttrici di azioni: l’innovazione del sistema di servizi dell’orientamento dell’Ateneo, un lavoro continuo di ascolto e di raccordo con il territorio, la sperimentazione e la ricerca scientifica, nella prospettiva di una comunità orientante capace di attrarre competenze professionali e sinergie istituzionali per il raggiungimento di finalità comuni.

L'esperienza maturata in questi ultimi cinque anni, attraverso i nostri servizi di orientamento e la rideterminazione degli stessi, ha permesso di agire su tre segmenti:

  1. 1. raccordo tra la scuola e l’università attraverso il riallineamento delle competenze tra i due livelli formativi;
  2. 2. sostegno dei processi di scelta e dei percorsi di carriera in ingresso, in itinere e in uscita;
  3. 3. accompagnamento delle persone laureate presso il nostro Ateneo per la promozione dell’occupabilità.

  1. Il raccordo scuola – università è stato possibile attraverso il Progetto STUD.I.O. (Studenti In Orientamento), finanziato dal P.O.R. FSE 2007-2013 dalla Regione Sardegna e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, destinato a studenti frequentanti l’ultimo anno delle scuole superiori e a quelli iscritti al primo anno d’università, ai quali sono stati offerti una serie di attività d’orientamento allo studio e di riallineamento delle competenze, finalizzate al miglioramento della loro preparazione per l’ingresso all’università. Per la settimana prossima è previsto un convegno di restituzione sul progetto appena concluso.
  2. Il sostegno dei processi di scelta e dei percorsi di carriera in ingresso, in itinere e in uscita si realizza attraverso il Servizio OrientAzione. Nato nel luglio 2010, il Servizio si è immediatamente proposto per la sua forte innovazione e identità: non solo consulenze individuali, ma progettualità con le scuole, con i dipartimenti, con gli enti territoriali, nello spirito (che lo rende una delle sperimentazioni più avanzate in Italia) di realizzare sinergie per una comunità orientante. OrientAzione sviluppa azioni di supporto e consulenza per studenti con l’obiettivo di valorizzare le risorse personali; sostenere le life skills e, in particolare, l’autoefficacia e il benessere; orientare le scelte attraverso un adeguato utilizzo di competenze/risorse personali e di contesto. Il Servizio realizza azioni di orientamento in ingresso, in itinere e in uscita. In questi anni abbiamo realizzato diverse progettualità iniziando con la stabilizzazione del supporto di counseling psicologico e di coaching individuale e di gruppo in presenza e a distanza (mediante skype), la realizzazione di gruppi esperienziali, con studenti universitari e insegnanti delle scuole superiori, manager e life coaching per imprese e istituzioni.  Il Servizio si è attivato sul territorio “uscendo” letteralmente dalla sua sede attraverso le due linee progettuali OrientAzione va a scuola, per il sostegno alla scelta del corso di studi universitari degli studenti delle scuole secondarie, e OrientAzione va in Dipartimento, per il contrasto del fenomeno del “fuori corso”. Nella medesima direzione va il progetto d’Ateneo di ricerca-intervento sulla dispersione universitaria teso a rilevare i profili degli studenti fuori corso e a comparare le carriere di studenti che hanno o non hanno fruito del servizio di consulenza. I risultati delle azioni, tutte monitorate con il rigore di strumenti scientifici, sono disponibili online nella sezione “Cose che parlano di noi” all’interno del portale studenti Youniss.

(http://www.uniss.it/php/proiettoreTesti.php?cat=1326&xml=/xml/testi/testi45294.xml&item=2)

 

  1. Per quanto riguarda la promozione dell’occupabilità, il Servizio Job Placement, che opera all’interno del Centro Orientamento, ha attivato un numero sempre crescente di stage e tirocini operando puntualmente un matching tra la domanda e l’offerta del lavoro, sia nel settore privato che nel pubblico, anche attraverso colloqui per l’orientamento dei laureati, finalizzato alla ricerca attiva del lavoro.

Dallo scorso anno la nostra Università partecipa alla nuova edizione del programma “Formazione e Innovazione per l’Occupazione Scuola e Università - FIxO S&U” promosso e sostenuto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in collaborazione con Italia Lavoro. Stiamo concludendo la prima fase del programma che prevede l’attuazione di una “procedura di standardizzazione partecipata della qualità” per favorire la qualificazione dei servizi di placement nonché per facilitare l’attivazione di tirocini e apprendistati e lo sviluppo di reti con altri attori del mercato del lavoro con l’intento di ridurre i tempi di ingresso nel mercato del lavoro e di aumentare le possibilità di trovare un’occupazione in linea con gli studi effettuati. Nell’ambito del programma è stato recentemente inaugurato un servizio automatizzato di prenotazione ai colloqui di orientamento tramite form online, già fruito da numerosi utenti (http://www.uniss.it/php/proiettoreTesti.php?cat=931&xml=/xml/testi/testi27669.xml).

Inoltre, la costante collaborazione con il Consorzio AlmaLaurea, permette di monitorare il numero dei laureati con le relative competenze e la pubblicazione del loro curriculum vitae nella banca dati offrendo opportunità di lavoro nel contesto nazionale e favorendo la capacità d’impresa.

 

Per quanto riguarda il raccordo con il territorio l’individuazione di una nuova sede del Centro Orientamento e del Servizio OrientAzione ne ha permesso una visibilità maggiore e una più facile raggiungibilità anche da parte di studenti pendolari e di persone con disabilità. La sede, ubicata in Via Arborea n. 40 nei pressi della Piazza Università, è stata inaugurata il 20 giugno 2012. Per questa occasione è stato organizzato un convegno nel quale è stato presentato il primo Report dal titolo “L’idea di orientamento dell’Università di Sassari. L’esperienza del Centro Orientamento Studenti e del Servizio OrientAzione", pubblicato anche sul nostro sito (www.uniss.it/orientamento).

In linea con la finalità dell’art. 9 del nostro Statuto dell’Autonomia, riguardante l’orientamento e introdotto e formalizzato per la prima volta nel dicembre 2011, abbiamo lavorato per creare reti con le principali istituzioni:

  • dall’anno accademico 2010/2011 al 2012/13 la realizzazione a Sassari, e per la prima volta in Sardegna, del progetto nazionale “AlmaDiploma-AlmaOrièntati”, nato dal raccordo interistituzionale formalizzato con Protocollo d’intesa, tra diversi soggetti quali il Consorzio interuniversitario AlmaLaurea, ideatore dello stesso, la Provincia in qualità di ente finanziatore, l’Ufficio Scolastico Provinciale di Sassari con compiti di sensibilizzazione, coordinamento e supporto, i servizi specialistici del nostro Ateneo per le azioni, gratuite, di counseling di supporto e di restituzione. Per il 2014/15 stiamo lavorando per l’attivazione della nuova annualità all’interno dell’accordo di cooperazione “Fabrica Europa” che coinvolge, oltre al nostro Ateneo, anche la Provincia e la Camera di Commercio del Nord Sardegna;
  • nel 2012 il Protocollo d’intesa, di durata biennale, finalizzato al contrasto del fenomeno della dispersione scolastica, siglato con il Comune di Sassari. Il Protocollo, che vede coinvolta la Scuola di dottorato in “Scienze sociali indirizzo Scienze della governance e sistemi complessi”, ha previsto l’elaborazione di un report “Indagine quantitativa sulla dispersione nel Comune di Sassari” a cui seguirà una ricerca-azione nelle scuole del territorio;
  • domani sottoscriverò con il Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria della Sardegna, il dr. Gianfranco De Gesu, un importante protocollo d’intesa in materia di attività didattiche, di orientamento e di tutorato rivolte alle persone detenute degli istituti penitenziari di Sassari, Alghero, Tempio e Nuoro.

 

In tema di sperimentazione e di ricerca scientifica il nostro Ateneo è fondatore e componente attivo del Network universitario sul counseling (SIO – Società Italiana per l’Orientamento - e LaRIOS - Laboratorio di Ricerca e di Intervento per l’Orientamento alle Scelte). OrientAzione, per il tramite della delegata rettorale e dei collaboratori e collaboratrici del Sevizio, partecipa attivamente al dibattito scientifico nazionale e internazionale.

Il Servizio è presente nelle diverse sedi specialistiche, tra le quali i congressi della SIO, del LaRIOS, della fondazione CRUI, del Consorzio AlmaLaurea e l’Associazione AlmaDiploma. Inoltre, la nuova concezione di orientamento della nostra università è stata ed è oggetto di numerosi contributi scientifici presentati in convegni di rilievo nazionale e internazionale.

In tutte queste occasioni di confronto è stato presentato il modello di orientamento dell’Ateneo di Sassari apprezzato per la sua innovazione e complessità.

La ricerca continua, all’insegna della novità e della lettura attenta delle esigenze del territorio, ha permesso di sperimentare l’uso di strumenti per l’orientamento come il percorso “AlmaOrièntati”  fino a crearne dei nuovi come il gioco “Il lavoro del mio futuro” - Play Your Professional Future (PProF), brevettato dal Servizio stesso e al passo con l’evolversi della letteratura scientifica.

 

Infine, vorrei evidenziare il ruolo fondamentale che il nostro Ateneo, attraverso la delegata per l’Orientamento, la prof.ssa Patrizi, ha avuto nel gruppo di lavoro nominato dal MIUR per la rivisitazione delle “Linee guida nazionali per l’orientamento permanente”, pubblicate il 21 febbraio scorso.  Le Linee guida varate, tenendo conto degli accordi presi in seno alla Conferenza Unificata Stato-Regioni e del Piano di attuazione nazionale della “Garanzia per i Giovani” (finalizzato a garantire un’offerta formativa e professionale ai/alle giovani disoccupati/e),  confermano e avvalorano il nostro modello di comunità orientante; cito a questo proposito un passo significativo del documento:

L’orientamento, nel mondo della scuola e della formazione […]deve estendersi a una proiezione sociale e culturale, con riferimento alla comunità di appartenenza, all’identità sociale e professionale, alla memoria storica, ai valori condivisi e all’etica del lavoro (dal MIUR, “Linee guida nazionali per l’orientamento permanente”, p. 9).

 

 

 

 

Ringraziamenti finali

Vorrei chiudere questo mio intervento porgendo dei ringraziamenti speciali a tutti coloro che in questi cinque anni hanno permesso la realizzazione degli obiettivi che ci eravamo prefissati fin dall’inizio del mio mandato. Un grazie di cuore in particolare alla Prof.ssa Patrizia Patrizi, Delegata per l’Orientamento e Responsabile Scientifica del Servizio OrientAzione, che in questi anni ha promosso, supportata dal suo staff, un cambiamento significativo attraverso un modello di comunità orientante all’interno dell’Ateneo e nel territorio.

Ringrazio la Prorettore Vicaria e Delegata alla didattica la Prof.ssa Laura Manca e tutte le persone che, anche questo anno, hanno contribuito alla realizzazione della manifestazione e che quotidianamente svolgono attività e progettualità di orientamento nel nostro Ateneo.

Un ringraziamento molto sentito al Gruppo di Comunicazione d’Ateneo che ha curato l’immagine coordinata della manifestazione e la diffusione su tutti i canali di comunicazione.

Ringrazio i Vice-Delegati per le tre fasi dell’orientamento: in ingresso Prof. Pier Giorgio Spanu, responsabile scientifico del progetto STUD.I.O., in itinere e monitoraggio delle carriere Prof. Camillo Tidore, in uscita e servizio di Placement Prof. Marco Ruggieri.

Ringrazio tutto il personale amministrativo del Centro Orientamento Studenti, per tutti il Responsabile dell’Ufficio Dott. Gian Luigi Sechi, supporto fondamentale per il raggiungimento degli importanti risultati fino a ora ottenuti.

Insieme alla Delegata all'Orientamento sviluppano gli itinerari attraverso i quali si realizza la nostra concezione di orientamento. L’orientamento è un’importante funzione dell’Ateneo. Si compone di dimensioni trasversali, che richiedono un coordinamento centrale e di dimensioni specifiche di pertinenza delle diverse strutture didattiche. Autonomia e integrazione devono caratterizzare i due livelli e il dibattito condiviso è l’elemento chiave per un accordo istituzionale che sappia trasmettere sicurezze alle persone che si rivolgono a noi per la loro formazione. Il Comitato tecnico-scientifico dell’orientamento è la nostra principale garanzia che questa finalità possa essere raggiunta. Ringrazio le Direttrici e i Direttori di Dipartimento.

Ringrazio tutte le professioniste e i professionisti che lavorano al Centro Orientamento, nel Servizio OrientAzione nei diversi progetti, personale dipendente, consulenti a contratto, collaboratrici e collaboratori. È un gruppo sempre in movimento, attivo per il raggiungimento degli obiettivi. A tutti sono grato per gli obiettivi che abbiamo condiviso e i risultati che abbiamo raggiunto attraverso il grande e professionale impegno profuso.

L’ultimo Report, pubblicato e diffuso per l’inaugurazione dell’a.a. 2013-2014, racconta nei dettagli la storia di questa nostra comunità orientante.

https://drive.google.com/file/d/0BzoNhscmn3XkUlZXcHhMUjVhZ2M/edit?usp=sharing
Ultimo aggiornamento Martedì 01 Aprile 2014 22:34

Multa venientis aevi populus ignota nobis sciet
multa saeculis tunc futuris,
cum memoria nostra exoleverit, reservantur:
pusilla res mundus est,
nisi in illo quod quaerat omnis mundus habeat.


Seneca, Questioni naturali , VII, 30, 5

Molte cose che noi ignoriamo saranno conosciute dalla generazione futura;
molte cose sono riservate a generazioni ancora più lontane nel tempo,
quando di noi anche il ricordo sarà svanito:
il mondo sarebbe una ben piccola cosa,
se l'umanità non vi trovasse materia per fare ricerche.

 19 visitatori online